Archivi tag: kids design

CuTOYS: DETTAGLI PREZIOSI PER GIOCHI IN LEGNO

 

Davvero originale questo progetto del designer Fabrizio Bendazzoli, primo classificato alla 6a edizione del concorso internazionale “Il Rame e la Casa” che si è appena conclusa: CuToys, una famiglia di tre elementi – una macchinina, una barchetta e un aeroplano – dalle linee essenziali, che vedono l’accostamento insolito (parlando di giochi per la prima infanzia) del rame al legno.

cutoys_4

(immagine da copperalliance)

Il classico giocattolo in legno viene infatti rinnovato grazie all’inserimento di lastre tagliate al laser in rame, materiale dalle note proprietà antibatteriche, che piegano sui fianchi di ciascun elemento completandone la sagoma… una sorta di preziosa carrozzeria!

cutoys_0

(immagine da copperalliance)

Bellissimo nella sua semplicità, è un gioco pensato per i più piccoli ma che già piace anche a noi eterni bambini!

(G.G.)

AUTO: L’AUTOMOBILINA PER TUTTE LE ETA’

AUTO è un progetto multifunzionale che ben si adatta alla crescita del bambino: nasce come culla per i primi mesi di vita; si trasforma in giocattolo, un’automobilina che può essere utilizzata in vari modi a seconda dell’età del bimbo; diventa infine un contenitore per la cameretta.

pasila_ya

(foto da pasiladesign)

Rientra nella prima collezione di arredi dell’azienda finlandese Pasila Design; come gli altri elementi dedicati all’infanzia, AUTO è concepita per promuovere lo sviluppo motorio del bambino ed è caratterizzata dalla qualità dei materiali e dalla cura del dettaglio riuniti in un progetto divertente e sostenibile.

BABY IN TABLE: NON UN SEMPLICE TAVOLO PER BAMBINI

BABY IN TABLE non è un semplice tavolino per i più piccoli: è un arredo intelligente che accompagna tutta la famiglia negli anni, riuscendo ad adattarsi alle esigenze delle diverse età dei bambini.

Progettato dal designer giapponese Oji Masanori, è formato da due elementi: il tavolino e lo sgabello, realizzati entrambi in massello di faggio.

b03

(foto da inhabitots.com)

Inizialmente il bambino, quando è in età prescolare, viene sistemato nella seduta – seggiolone integrata nel tavolo; lo sgabello può essere usato come rialzino, magari per lavarsi i denti, o come seduta dal fratello maggiore.

baby-in-table_img_1494

(foto da o-ji.jp)

Quando cresce, il piccolo scolaro può sedersi invece sullo sgabello per utilizzare il tavolo come scrivania; in questo caso il taglio nel piano si trasforma in un comodo contenitore per libri e materiale scolastico.

baby-in-table_img_1502

(foto da o-ji.jp)

Ma non è tutto: il tavolino, una volta che i bambini sono diventati troppo grandi, può benissimo essere collocato in salotto e ospitare le riviste di casa, mentre lo sgabello diventa una scaletta usata anche da mamma e papà per guadagnare qualche centimetro, in caso di necessità!

BABY IN TABLE, prodotto e distribuito dall’azienda giapponese Toa Ringyo, è sicuramente un prodotto sostenibile per la sua multifunzionalità ed essendo caratterizzato da un design adatto a una famiglia in continua evoluzione.

UNO ZOO COCCOLOSO

La collezione ZOO della designer Ionna Vautrin per il brand danese Elements Optimal sembra uscire direttamente da un libro di favole: tre simpatici animali (un tucano, un panda e una balena) da cui partire per raccontare storie sempre nuove sospese tra cielo, terra e acqua.

ionna_04

Ogni componente di questo piccolo zoo, realizzato in tessuto Kvadrat “Hallingdal 65”, è caratterizzato da colori brillanti e da linee che, nella loro essenzialità, riescono perfettamente a comunicare il carattere del personaggio.

ionna_02

Morbidi da abbracciare, diventano degli affettuosi compagni di gioco anche grazie alle loro dimensioni: sono stati pensati in taglia XL (sono alti circa un metro) per incoraggiare i bimbi a relazionarsi con loro. E quando il gioco finisce si trasformano in comodi elementi d’arredo e tutti, mamma e papà compresi, si possono finalmente rilassare usandoli come cuscinoni per leggere un buon libro prima di addormentarsi.

ionna-vautrin_zoo

(immagini da elements optimal)

TROTTER: sedia o carriola?

Estate, voglia di giocare all’aperto.

TROTTER, progettata dal designer olandese Rogier Martens per la collezione Me Too del brand Magis, è una sedia speciale per bambini, che può essere usata in giardino ma anche all’interno, portando quasi con sé il profumo dell’erba appena tagliata in un caldo pomeriggio estivo.

Realizzata in tondino di acciaio, è una sedia “mobile” giocosa che si ispira alla forma della carriola, pensata per stimolare l’attività dei bambini: grazie alla sua grande ruota in plastica arancione, i più piccoli possono spostarla agevolmente qua e là ogni volta che vogliono o usarla per trasportare qualche compagno di giochi!

Eccola qui, fotografata nello stand Magis durante l’ultima edizione del Salone del Mobile di Milano, in compagnia di Rocky, il cavallo a dondolo di Marc Newson.

YoYo atelier - TROTTER al Salone del Mobile 2015

YoYo atelier – TROTTER al Salone del Mobile 2015

CIRCLE

Tra i tanti tavolini per bambini, CIRCLE di Small Design è uno dei miei preferiti: con il suo design semplice e pulito e con la sua forma circolare invita i bambini a raccogliersi intorno al piano creando un ambiente intimo dove giocare.

Circle_01

CIRCLE (foto da Small Design)

I quattro sgabelli, se uniti tra loro, creano diverse composizioni; se invece non vengono utilizzati, possono essere agevolmente impilati o nascosti sotto il tavolo.

Circle_06

Circle_04

CIRCLE (foto da Small Design)

Il set ha dimensioni contenute ed è disponibile in vari colori, dal giallo più acceso ai toni pastello.

Circle_03Circle_05

UPJ: BIG MAMA IN TAGLIA SMALL

In casa B&B Italia è nata UP JUNIOR, la poltrona dedicata ai più piccoli (adatta dai tre anni in su) che riprende fedelmente, nella forma e nei materiali, la celebre UP5, disegnata nel 1969 dall’eclettico Gaetano Pesce e considerata tuttora una icona del design italiano.

01

(UPJ – Foto da B&B Italia)

La seduta va ad arricchire la Serie UP che, sin dall’origine, è composta da sette pezzi: due poltroncine (UP1 e UP3), un pouf (UP2), un divano (UP4), un’insolita scultura a forma di piede (UP7), un poggiapiedi sferico (UP6) abbinato alla famosa UP5, simbolo intramontabile della serie stessa.

Questa grande poltrona, chiamata anche nel corso degli anni “Big Mama” o “Blow up”, con le sue forme avvolgenti e sinuose, richiama il grembo materno trasmettendo a chi si siede una sensazione di protezione; il pouf sferico, inizialmente concepito nei bozzetti del designer come “figlio” della UP5, legato ad essa da un cordone ombelicale, è poi stato visto più come una pesante palla al piede per ricordare la fatica che ogni donna affronta nella sua vita.

Come dice Gaetano Pesce: In quel momento io raccontavo una storia personale su quello che è il mio concetto sulla donna: la donna è sempre stata, suo malgrado, prigioniera di sé. Così mi è piaciuto dare a questa poltrona una forma di donna con la palla al piede, che costituisce anche l’immagine tradizionale del prigioniero”.

Un oggetto rivoluzionario, anche per come veniva prodotto inizialmente: la seduta in poliuretano, rivestita con un tessuto elastico, era infatti confezionata sottovuoto per poi riacquistare la sua forma e le dimensioni originali una volta aperta.

03

(Serie UP – Foto da B&B Italia)

UPJ viene oggi riproposta nell’energico colore rosso insieme al pouf a sfera che da sempre la accompagna; sarà disponibile da Natale nei punti vendita e, con le sue forme ludiche e accattivanti, riuscirà a valorizzare gli spazi dedicati ai più piccoli, senza dover rinunciare a una seduta confortevole, e porterà nelle nostre case un pezzo cult della storia del design.

02

(UPJ – Foto da B&B Italia)